mercoledì 21 settembre 2016

CONFETTURA DI PRUGNE SETTEMBRINE

         Fra le tante confetture preparate quest'anno, fragole, albicocche, pesche, mi mancava la confettura di prugne per la precisione prugne settembrine. Adoro preparare le confetture e conserve in genere amo vedere i vasetti di varie dimensioni tutti allineati nella mia dispensa, oltre alla soddisfazione personale, mi mettono allegria!!




Nota della spesa
kg. 2 di prugne settembrini mature
g. 700 di zucchero semolato
il succo di un limone                                   
*********************************************************************************
Dopo aver lavato e pulito al loro interno le prugne tagliarle a metà e in un tegame dai bordi alti iniziare la cottura. Quando le prugne iniziano a spappolarsi unire lo zucchero e continuare la cottura tenendo mescolato per evitare che si attacchi sul fondo. 


Quando la confettura ha raggiunto il punto giusto di consistenza, versare nei vasetti di vetro caldi, chiudere ermeticamente con il coperchio e capovolgere i vasetti per circa 10 minuti.






        Conservare in luogo fresco.


      Aspettare circa due mesi prima di consumarla.
                                                     Siate sempre lieti.
                                                           Nonna Dani

giovedì 15 settembre 2016

GELATO ALLO YOGURT

Primo esperimento con il gelato e i risultati non sono niente male!! Non ho usato addensanti, solo ingredienti freschi e naturali. Molto veloce da preparare e ottimo veramente ottimo!!
Nota della spesa
ml. 500 yogurt intero
ml. 125 panna fresca 
ml.125 latte parzial. scremato
g. 150 di zucchero
gelatina di lamponi 
*********************************************************************************
Per prima cosa versare in un pentolino la panna fresca, il latte e lo zucchero mescolare bene per fare sciogliere tutti gli ingredienti e portare il composto ad una temperatura di 80/85°, quindi mettere subito il pentolino a bagnomaria con acqua fredda e ghiaccio per abbattere velocemente la temperatura. Quando è raffreddato coprire e mettere in frigorifero per almeno due ore.
Quando sarà ben freddo unire lo yogurt anch'esso molto freddo, mescolare bene e successivamente mettere il tutto nella gelatiera facendo mantecare per almeno 30 minuti. Il gelato deve risultare cremoso e denso. Versare il gelato in un contenitore con il coperchio e mettere in frezer per almento 3/4ore.
Gelato dal sapore delicato si accompagna in diversi modi a seconda dei gusti io ho aggiunto la gelatina di lamponi preparata da me.
                                                         Un abbraccio a tutti.
                                                         Siate sempre lieti.

                                                              Nonna Dani


domenica 11 settembre 2016

STOCCAFISSO ALLA BURIDDA per QUANTI MODI DI FARE E RIFARE

La ripresa dell'appuntamento con le cucine aperte dei Quanti modi di fare e rifare non poteva essere migliore. Siamo ospiti nella bella cucina di Carla Emilia che ci propone la notissima ricetta genovese dello stoccafisso in buridda. Mi è piaciuta da subito questa ricetta perchè io amo il baccalà, ( non ho trovato lo stoccafisso) l'ho cucino in diversi modi, con pomodori, patate, alla veneta con il latte, fritto, ma con i funghi non l'avevo mai assaggiato. E' stata una sorpresa, un'ottima sorpresa perchè l'ho gradito molto e non solo io. Naturalmente ho portato alcune variazioni: ho trovato solo il baccalà e per i funghi ho usato quelli secchi.


Nota della spesa
g. 500 di baccalà lavato e ammollato 
g.   20 funghi porcini secchi
g. 150 di patate
1 spicchio d'aglio
1 cipolla piccola                                      
2 acciughe salate
1 cucchiaio di pinoli
prezzemolo tritato
1 bicchiere di vino bianco
g. 20 olive verdi
olio evo
sale
*******************************************************************************      Dopo aver ammollato in funghi secchi in acqua tiepida li ho leggermente spezzettati con le dita,  ho pelato le patate lessate e tagliate a pezzetti. In una casseruola ho soffritto con due cucchiai di olio l'aglio, il prezzemolo, le acciughe schiacciandole con la forchetta, ho aggiunto i pinoli ed ho lasciato imbiondire il tutto. Ho unito il baccalà tagliato a pezzetti facendolo rosolare da ambo le parti, ho versato il vino e fatto evaporare, poi ho coperto e lasciato cuocere. A metà cottura ho unito le patate, i funghi e le olive.
                            Ho terminato la cottura circa 20 minuti e ho servito caldo.
                                            Non nè è rimasto tanto......................
     Come sempre ringrazio la cuochina Anna&Ornella Carla Emilia per l'ospitalità e per avermi dato la possibilità di conoscere questo bel piatto della tradizione genovese e tutte voi che passerete da me.                                               
                                                         Siate sempre lieti.
                                                             Nonna Dani


lunedì 5 settembre 2016

PANE CONTADINO AL PROFUMO DI ANICE con li.co.li

Molto buono e profumato il pane contadino. Non so se capita anche a voi ma quando la dispensa comincia a essere satura di sacchettini con piccole quantità di farine varie, per me è giunto il momento di utilizzarle tutte insieme o quasi, panificando; ho aggiunto i semi di anice anche loro da tempo in attesa, insieme ad altri aromi nell'armadietto soprastante e allora via s'impasta. Naturalmente utilizzando la farina di segale questo pane per lievitare bene ha bisogno di un lievito molto attivo, ben rinfrescato almeno tre volte.

Nota della spesa
g. 400 farina di segale
g. 200 farina integrale
g. 200 di farina 0
g. 220 di li.co.li
1 cucchiaino di sale
3/4 di litro acqua tiepida (g. 750)
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaio di olio
1 cucchiaio di semi di anice
********************************************************************************* 





1° impasto
Nella planetaria impastare il licoli rinfrescato tre volte con g.130 di farina integrale+ g. 130 farina 0 + g. 260 di acqua e fare lievitare fino al raddoppio.







2° impasto
Aggiungere a tutto il primo impasto g. 140 di farina mista (integrale+farina 0) + g. 400 farina di segale +  g.490 di acqua tiepida 1 cucchiaio di zucchero, 1 cucchiaio di semi di anice 1 cucchiaino di sale. Se l'impasto risultasse troppo morbido aggiungere altra farina 0. Impastare molto bene facendo incordare poi preparare le forme del pane. 




A questo punto lasciare lievitare fino al raddoppio poi cuocere in forno ben caldo per circa 40/50 minuti.
                                             Pane profumatissimo ottimo con marmellate e non solo!!
                                                               Siate sempre lieti.
                                                                   Nonna Dani


                  “Con questo ricetta partecipo alla raccolta mensile di Panissimo#43, 
la raccolta di lieviti dolci e salati, ideata da Sandra di  Sono io, Sandra e di Barbara, Bread & Companatico questo mese ospitata da I pasticci di Terry!”

venerdì 2 settembre 2016

PENNE CON ZUCCHINE E RICOTTA

Lo so, lo so che questa è la terza volta di seguito che pubblico una ricetta con la ricotta ma che ci posso fare, a me la ricotta piace non solo per preparare dolci ma anche per amalgamare un condimento semplice e di stagione come il piatto di oggi. Le zucchine le ho comprate al "mercato contadino del sabato" dove tutti i prodotti dell'orto sono coltivati e raccolti a km 0 nel rispetto del consumatore e dell'ambiente.
La zucchina può sembrare un ortaggio modesto, ma in realtà  la possiamo valorizzare e renderla protagonista della tavola, perchè si cucina in tantissimi modi, cruda, fritta, grigliata, cotta oppure ripiena, in pastella, inoltre si presenta a noi in forma cilindrica, tonda e con colori dal verde smeraldo al verde chiaro, al giallo, è inoltre povera di calorie, offre vitamine A e C e una buona quantità di potassio. Insomma una vera ricchezza che la natura ci regala. Per questa ricetta non ho guardato alle calorie ma al piacere dello stare a tavola davanti a un buon piatto di pasta. Ogni tanto ci vuole!!


Nota della spesa
g. 140 di pennette
2 zucchine medie
2 cucchiai di ricotta di bufala
olio evo 
1 spicchio d'aglio
alcune foglioline di menta
*********************************************************************************
Mondare le zucchine e tagliarle a rondelle, in una padella antiaderente friggere in olio, senza esagerare nella quantità, le zucchine poi passarle su carta assorbente per farle scolare. 
Con due cucchiai d'olio imbiondire uno spicchio d'aglio le foglioline di menta poi aggiungere le zucchine, la pasta leggermente bagnata dell'acqua di cottura, saltare qualche minuto in padella ed unire la ricotta.
                                                         Buon pranzo!!
                                                      Siate sempre lieti.
                                                          Nonna Dani

venerdì 26 agosto 2016

TORTA DI RICOTTA YOGURT E PESCHE

Come si fa ad accendere il forno con questo caldo? E' difficile ma vi assicuro che ne vale la pena perchè dopo aver fatto la ricotta in casa non potevo non esimermi dal fare la torta di  Ornella d'altronde non poteva essere diversamente, prima si prepara la ricotta  poi si cuoce in forno quest'ottimo dolce; l'unica differenza sta nell'aver usato le pesche al posto dei lamponi, ma ahimè quelli raccolti per preparare la gelatina sono finiti subito. Ho deciso di usare le saturnine ottima qualità di pesche saporitissime e sode adattissime alla cottura in forno. 
Nota della spesa
Per la ricotta 
l. 1,5 di latte intero
4 cucchiai di aceto di mele
succo di 1 limone colato
Per la torta
g. 225 di ricotta
g. 275 yogurt alla vaniglia
g.  60 di farina 00
g.  60 di fecola
g. 150 di zucchero
g. 300 di pesche saturnine
3 uova
1 limone bio grattugiato
1 cucchiaino di lievito per dolci
2 cucchiai di zucchero di canna
pizzico di sale
*********************************************************************************
Per la preparazione della ricotta vi rimando al post precedente
Nella planetaria inserire la frusta montare le uova con lo zucchero poi unire la ricotta sciogliere bene i grumi, aggiungere lo yogurt, la farina la fecola,il limone grattugiato, il pizzico di sale e il cucchiaino di lievito.
A parte ho pelato e tagliato le pesche, ho foderato con carta da forno uno stampo, ho cosparso il fondo con zucchero di canna e adagiato i pezzetti di pesca ho versato il composto ottenuto e infornato a 180/190° per circa 50'. 
                                                                     Molto buona!!
                                 Ringrazio ancora una volta Ornella per i consigli preziosi.
                                                Siate sempre lieti.
                                                     Nonna Dani

venerdì 19 agosto 2016

RICOTTA (home made) CON GELATINA DI LAMPONI


Ho fatto la ricotta che soddisfazione!! Ringrazio ancora una volta Ornella per la ricetta spiegata in modo chiaro. Non ho mai pensato di poterla fare in casa, ma visitando il suo blog  ho capito che era possibile e sopratutto facile, quindi via...ci provo e devo dire che il risultato è stato molto buono sotto tutti i punti di vista. Noi l'abbiamo gustata con una gelatina di ottimi lamponi, raccolti nel nostro Appennino in località Passo di Pradarena per una gita domenicale, che ogni tanto io e mio marito ci concediamo. E' stata una domenica di sole, venticello giusto e tanti, tanti lamponi. Soprattutto loro sono stati i protagonisti perchè non era mia intenzione raccoglierli ma osservando diverse persone con contenitori vari, pieni di lamponi, mi sono detta perchè no? Mi è bastato inoltrarmi nel bosco e loro spuntavano ovunque, bellissimi!!
Nota della spesa
l.2,5 di latte fresco intero
6,5 cucchiai di aceto di mele
1,5 succo di limone 
g. 300 di lamponi
g. 125 di zucchero
g. 100 di acqua
la quantità di zucchero pari al succo filtrato dei lamponi
*********************************************************************************
Per la ricotta
In una pentola scaldare il latte e poco prima che inizi a bollire aggiungere lentamente l'aceto di mele e il succo di limone passato al colino, poi mescolare con un cucchiaio di legno:







si coagulerà velocemente. Lasciare ancora 2/3 minuti sul fuoco poi versare nello scolapasta rivestito da un canovaccio o negli appositi cestini e lasciare scolare bene. Quando la ricotta è raffreddata lasciarla alcune ore in frigo.


UNA SORPRESA!!

Per la gelatina
Ho fatto bollire i lamponi a fuoco vivo con acqua e zucchero per circa 10/15 minuti. Ho filtrato il tutto per eliminare i semi, ho pesato la salsina ottenuta a cui ho aggiunto la quantità di zucchero equivalente al suo peso e rimesso di nuovo sul fuoco. Ho lasciato bollire,schiumando per togliere eventuali impurità, alcuni minuti prima di togliere dal fuoco ho aggiunto alcuni lamponi interi.
                  Il risultato è una gelatina morbida, ottima e naturale. Si conserva in frigorifero o nel freezer.
                Che dire non so se è la ricotta che rende speciale il dessert o la gelatina.... da leccarsi i baffi!!

                                                  Siate sempre lieti.   
                                                        Nonna Dani                     
                                  Con questa ricetta partecipo al contest ospitato da Consuelo
                                                  Di cucina in cucina Un souvenir nel piatto